Il Prezzo del Progresso

Nei dipartimenti di Ingegneria dell’Università Politecnica delle Marche tutti mi hanno indotto a pensare che le nuove tecnologie sono sempre le migliori, poichè, in un contesto che si limita ad affrontare il “lato tecnico” delle cose, quello “bello”, quello che riesce a far vedere solo le migliorie rispetto al passato, si è portati a pensare che il progresso passi anche attraverso quegli studi..

Lo stesso discorso valse per la questione Nucleare: l’esame di Energetica mi fece capire quante e quali tecnologie erano state raggiunte per mettere in atto la Fusione di un nucleo di Uranio al posto della sua Scissione e quanto buona, pulita ed evoluta fosse quel nuovo tipo di energia.. la Nucleare..

Poi con il tempo, si sviluppa un modo personale di guardare le cose e oggi, fortunatamente, alla visione semplicistica di molte persone che affermano che il nucleare è “tutto intorno a  noi”, rispondo con le parole di Pier Luigi Zanata:

Si dice: il nostro paese e’ circondato da centrali nucleari e considerato che il pericolo e’ lo stesso tanto vale averle in casa e cosi’ affrancarci dai costi dell’ energia comprata all’ estero.
Non e’ lo stesso: il rischio di leucemia aumenta in maniera statisticamente significativa nei ragazzi che vivono vicino alle centrali nucleari. Questo e’ quanto emerge da uno studio per conto dell’ Ufficio Federale Tedesco per la protezione da irradiamento.

Eccolo, il prezzo del progresso, che per l’ennesima volta, è passato a ritirare il suo “pizzo” e passa anche da qui, dove vedute di fabbriche abbandonate fanno da sfondo ad una voce trasformata dalla malattia.

Ho capito, che prima di essere pronti a combattere una battaglia, bisogna avere una propria forma di Etica nel midollo, senza la quale non si è neanche minimamente in grado di comprendere determinati tipi di discorsi. Inevitabilmente ho capito, quanto giorno dopo giorno cerchi di metabolizzare l’elevato e beffardo ghigno del prezzo del progresso.

(Via ScientificandoCosì e’ se mi pare)

7 commenti su “Il Prezzo del Progresso

  1. annarita

    Saggio, ragazzo!:)

    Avessero quelli che gestiscono il potere un briciolo della tua capacità di comprendere e della tua sensibilità…lo stato delle cose non sarebbe quello che è:(

    Grazie infinite!

    Su websomethingelese è online “taglio vergognoso”

    Un abbraccio
    annarita:)

  2. Cristiano

    Il dipartimento di energetica dell’ex Facoltà di Ingegneria di Ancona era già ai miei tempi “tristemente” famoso per la “simpatia” estrema che nutriva per la soluzione nucleare.
    Il “30 e lode” (uno dei pochi, sic!) ottenuto all’esame fu proprio frutto di una disquisizione sulla bonta dell’energia nucleare ad opera del sottoscritto (anche se il mio discorsco però era ovviamente e ragionevolmente retto da basi squisitamente teoriche e non certo applicative)
    Fatto sta che ciò fu sufficiente a rendere talmente euforico il docente da farmi premiare con il voto massimo e a ricevere la richiesta di fare una tesi in merito (ovviamente con il professore medesimo)
    Immagina l’espressione del suo volto quando, molto candidamente, gli rivelai di essere un “elettronico informatico” e non un “meccanico” :-D

  3. Paolo Bee Autore articolo

    @ annarita:

    grazie, anche se io ho solo unito i vostri post confrontandoli con la mia esperienza personale, come al solito!

    Ho preferito citare anche Pierluigi Zanata poiché il suo post mi è piaciuto parecchio e in fin dei conti le vostre due tematiche sono del tutto correlate.

    Spero di aver fatto cosa gradita ad entrambi!

    Per quanto riguarda il “Taglio Vergognoso” , passerà Sara al più presto dalle tue parti!

    @ Cristiano:
    Come vedo in quel di Ancona le generazioni passano ma la sostanza rimane sempre la stessa! In realtà ho imparato da poco ad astrarmi dal lato tecnico delle cose guardando l’ingegnerizzazione dei processi con occhi critico e non sempre come passo evolutivo. Credo sia stata una delle mie più grandi conquiste durante questo percorso formativo!

    P.S. l’esame di energetica si concluse con un trenta senza lode perchè facevo parte degli informatici anzichè dei meccanici, da qui la giustificazione del fatto che quell’esame non era a me necessario in futuro! :-|

  4. annarita

    @ Paolo Bee: hai fatto benissimo a citare il post di PL. E’ uno degli amici più cari e un professionista che stimo enormemente. Una persona rara
    :)
    Buon fine settimana, caro Paolo…

  5. Paolo Bee Autore articolo

    @ annarita:
    avevo letto la sua “storia” che avevi pubblicato su matem@ticamente e così ho visitato il suo blog e l’ho aggiunto al feed reader, ma non ho mai commentato sul suo spazio per farmi conoscere.. speravo di farlo con questa citazione! :)

    Sicuramente un ottimo professionista.

    Quanto a te, ho visto che questa è stata una settimana intensa sotto il punto di vista dei blog, hai scritto molto, quindi ti auguro un buon fine settimana di riposo meritato!

    A presto Annarita :)

  6. annarita

    Ciao, Paolo! Ti ringrazio di avermi augurato un buon fine settimana riposante…ma ahimé così non è stato. Ho ancora troppe cose da portare a termine.

    Spero di iniziare ad allentare il ritmo da luglio.

    Un salutone: :)

Rispondi